martedì 31 marzo 2009

L'alter ego femminile di Straker

Ieri, 30 marzo, è stato pubblicato un articolo dal titolo "LE FALSE DISPUTE - Controllori all’attacco dei controllati"a firma di Antonella Randazzo, un nome a me sconosciuto prima d'ora. Incuriosito, ho fatto una veloce ricerca su Google e ho trovato il blog di Francesco Crozza: "Le censure di Antonella Randazzo".
Il blog nasce in seguito ad un episodio di censura, pretesa da Antonella Randazzo, di un commento di Francesco Crozza sul sito comedonchisciotte.org. Sono rimasto sorpreso nel constatare che molte situazioni descritte nel blog e riferite ad Antonella Randazzo sembrano siano state scritte facendo riferimento a Straker.

Leggendo ad esempio il post intitolato "Lettera aperta ad Antonella Randazzo" si ha l'impressione di leggere le confutazioni rivolte a Straker, come questa:
Hai mai sentito parlare di “onere della prova”? chi accusa qualcuno ( un esempio a caso: Grillo o Travaglio di essere essere servi del sistema ) deve portare le prove, non chi li vuole difendere. A parte che io non voglio difendere nessuno. Io critico il tuo metodo.
Prendiamo in esame un qualsiasi testo del blog di Francesco Crozza, sostituiamo per gioco i termini "Antonella Randazzo" e "scrittrice" con "Straker" o "Tankerenemy" e trasformiamo al maschile i pronomi personali e soggetti espressi al femminile, cosicché "lei" diventa "lui", "autrice del blog" diventa "autore del blog" e così via... quale risultato si ottiene? Una descrizione perfetta dei comportamenti paranoici e censori di Straker!

Eccone alcuni esempi (evidenziate in grassetto le frasi che sembrano cucite su misura su Straker):

- Da "LA VERITA’ (SU CERTE PERSONE) VI RENDERA’ LIBERI (DA ESSE)... "
Del resto -o per meglio dire, di conseguenza- tutte o quasi le sue uscite, a ben vedere, sono basate sul nulla. Pure illazioni, o al massimo interpretazioni del tutto personali di alcuni fatti, presentati come verità inoppugnabile. E gran faccia tosta quando le si chiedono le prove di quel che dice: o si cita da sola o, messa alle strette, censura.
Naturalmente ognuno è libero di abbracciare le idee che vuole, ma la prossima volta, se qualcuno parlerà della “serietà accademica” di questa scrittrice, rispondetegli che però esiste una pubblicazione del Grande Puffo, Babbo Natale e Tex Willer su “Mazinga News”, che porta nuove confutazioni ai suoi pur documentatissimi argomenti. Vi crederà sulla parola.
Sono anche fermamente convinto di un’altra cosa: le persone che seguono la Randazzo e le suddette farneticazioni sul suo blog, continueranno a farlo e a pendere dalle sue labbra. Lo facciano pure; è un fenomeno umano, basta farsi un giro in internet e nei blog per vedere quanti paranoici squinternati, impermeabili a qualsiasi razionalità, ci sono; non è a costoro che mi volevo rivolgere.
Con questo mio blog ho voluto “smascherare”, nel senso etimologico, ossia togliere la maschera di scrittrice seria (che lei ama molto indossare) a questa che credevo anche io fosse tale, portando le mie osservazioni a beneficio di persone che hanno un (per lo meno minimo) senso critico e buonsenso. Ossia le persone normali.
I vari blog sulle scie chimiche sono pieni di commenti di paranoici squinternati, impermeabili a qualsiasi razionalità. Parafrasando il testo sopra, questo blog, "Scie chimiche, rucola e stracchino", si rivolge a chi è a conoscenza del fenomeno delle scie chimiche e reputa (spero ancora per poco) Straker una persona seria e gran esperto unico e indiscusso della materia. Con questo mio blog voglio “smascherare”, nel senso etimologico, ossia togliere la maschera di persona seria (che lui ama molto indossare) a Straker che credevo anche io fosse tale, portando le mie osservazioni a beneficio di persone che hanno un (per lo meno minimo) senso critico e buonsenso. Ossia le persone normali.
Per finire, cerco di spiegare perché reputo un danno la propalazione di queste idee, tanto da farci un blog: non certo per la loro stramberia, poiché sono una goccia nell’oceano delle stramberie, e inoltre chi vuole credere ad assurdità lo farà in ogni caso, con o senza la Randazzo. Ma perché questo personaggio, con la sua patina di scrittrice seria -costruita infilando nel minestrone dei suoi scritti alcune verità più o meno note e soprattutto censurando chi non la pensa come lei- discettando però di dominatori mondiali, di giornalisti venduti in massa e di complotti a base di lucertoloni, permettendosi di affermare senza prove la disonestà di persone ben precise, trattando argomenti seri, anche scientifici, senza averne nessun titolo e nessuna preparazione, in questo modo spinge, a dirla breve, alla paranoia e al rimuginare sterile, alla sciatteria del pensiero, alla rinuncia all’azione civica e civile concreta, al “piove governo ladro” trasformato in “piove banchieri ladri” che risolverebbe tutti i problemi, mentre attivarsi, concertarsi per raccogliere firme per un referendum, esigere o cercare delle prove, o anche solo studiare seriamente un problema, diventerebbero solo una perdita di tempo. E questo secondo me è un danno ben maggiore di propagandare qualche teoria squinternata. Tutto qui.

- Da "INTRODUZIONE":
Si da il caso invece che ho potuto sperimentare personalmente la alacre attività della Randazzo nel censurare, nel proprio blog (e fin qui magari legittimamente benché direi ipocritamente) ma anche con pressioni su alcuni siti web a lei estranei, ogni opinione o commento che metta in discussione con una certa efficacia i suoi asserti o le sue contraddizioni (mai la sua persona). Leggendo qua e là in rete, si viene a conoscenza che ci sono sempre più persone che, non essendo d’accordo con quello che asserisce la Randazzo, cercano di inviare i loro commenti critici, ma a parte quelli comunque edulcorati e omaggianti, gli altri vengono puntualmente censurati dalla scrittrice.

- Da "CASTRONERIE VARIE... DELLA RANDAZZO":
Ultimamente però ho l’ho vista scagliarsi energicamente contro alcuni personaggi pubblici come Marco Travaglio, Furio Colombo o Beppe Grillo, che attualmente sono al centro dell’attenzione mediatica per la loro posizione di contrapposizione ad un certo modo di fare politica, accusandoli addirittura di essere funzionali al sistema (”gatekeepers”, scrive la Randazzo, assecondando qua e là il vezzo di appiccicare ai concetti parole in inglese per rivestirle di una ulteriore autorevolezza). Per giustificare ciò che sarebbe una opinione come un’altra, la scrittrice però snocciola nei suoi post, e nei suoi commenti, una lunga ed inutile teoria di filmati irrilevanti da youtube ed articoli altrettanto campati in aria di altri bloggers.
Per quanto riguarda Straker, ai nomi di Travaglio e Grillo aggiungerei quello di Stefano Montanari, anche lui accusato di sapere ma di non dire poiché facente parte del sistema.

- Da "
ALLERGIA ALL' IRONIA E ALLA CRITICA":
Del comportamento eccentrico della Randazzo ho già parlato nel mio precedente post, per cui nel merito non avrei niente da aggiungere, se non che, personalmente, la cosa che mi appare tuttavia più grave rispetto alle altre è che la Randazzo, denigrando le prese di posizioni critiche di Travaglio, di Colombo e di Grillo, faccia la moralizzatrice da poltrona, parlando di massimi sistemi, di stegocrati e di potere anglo-americano, tacciando invece le succitate persone di intelligenza con il sistema, e dunque anche il loro incitamento ad esigere più trasparenza, più civismo e più efficienza dai nostri amministratori e classe dirigente sarebbe fumo negli occhi. Trovo questa mistificazione insopportabile e anti-civica, oltre che ridicola. Lei esigerebbe che chiunque con un minimo di visibilità mediatica sposasse le cause a livello planetario, vere o supposte, di cui lei discetta nelle sue pubblicazioni.

[omissis]

1. Fa tristezza vedere un sito che si fa bandiera della “informazione libera” e della “tolleranza” censurare i commenti. Magari nello stesso tempo in cui si critica la censura e l’esser proni dei grandi mass-media e della televisione; è senz’altro una figuraccia abbastanza indegna.

2. Fa invece abbastanza ridere (o sorridere) il grande atteggiarsi della Randazzo a paladina della pura verità, contro la censura delle autorità e dei mass-media ufficiali, il suo coltivare “un sentimento di simpatia ed amicizia” per tutti (specie per coloro che hanno visto la sua “luce”), il suo sbandierato “rigore delle fonti”, per poi operare censure di chi la critica (stiamo parlando e parleremo sempre di critiche civili e motivate), lanciare addirittura ultimatum censori in casa d’altri, non sopportare assolutamente che altri facciano quello che lei stessa fa ogni giorno dal suo blog (ossia esprimere critiche ed opinioni, però questa volta su di lei).

[omissi]
Tutti i suoi scritti si premurano, ripetendo alla fine sempre le stesse cose, di far sapere al mondo ciò che è in effetti segretissimo, ossia che il dominio economico-militare nel mondo è degli Stati Uniti, che i politici e le istituzioni politiche sono pesantemente influenzate dalle lobby e dal mondo economico-finanziario, che il colonialismo fu un crimine, e che sui mass-media non chiunque può apparire e dire la sua ma c’è un controllo politico e dei poteri forti. Ma va? Dite la verità, chi di voi lo sospettava? Meno male che c’è la Randazzo ad illuminarci. A corredo di queste ovvietà, la Randazzo ultimamente sembra sposare tutti i cavalli di battaglia che nell’ambiente internettaro della cosiddetta “controinformazione” ora vanno per la maggiore, ossia: complotto americano alla base degli attentati dell’11 settembre, scie chimiche, controllo occulto delle menti, signoraggio bancario, natura massonica dello stato di Israele, eccetera eccetera, non si sa se per convincimento personale o per attaccare ulteriori vermi appetitosi al suo amo. Fatto sta che poi ultimamente si è lanciata in una contestazione insulsa a Marco Travaglio, Beppe Grillo, Furio Colombo, colpevoli a suo dire di “non dire tutta la verità” (come invece fa lei, con ammissione scevra da modestia). Nel suo blog, intanto, filtrando opportunamente i commenti, pubblica quasi esclusivamente ( si spera che non se li scriva da sola!) commenti di gente osannante che vede in lei un “faro di verità” e una grande giornalista (!!). Ora, la insignificante statura del personaggio imporrebbe al massimo un silenzio di compatimento, soprattutto sui suoi osannanti fans, però qualche commentino ci sta: a me sembra che la Randazzo abbia ben compreso la strategia da adoperare per incrementare la vendita delle sue pubblicazioni: partire da una base generale ovvia e condivisa, poi snocciolare teorie controcorrente che però vanno molto di moda tra il popolo dei suoi potenziali acquirenti. E’ chiaro che la Randazzo non sa e non può sapere assolutamente nulla di più di quello che già si legge in giro o in rete su argomenti complicatissimi o difficilissimi come gli attentati dell’11 settembre o sulle scie chimiche, però straparla di questi argomenti con piglio da esperta e con sicumera di detenere la verità, e getta insinuazioni su personaggi (che peraltro sa benissimo che non si accorgeranno mai di lei per poterle rispondere a tono) di ben altra statura come Travaglio o Grillo, tra l’altro con pure illazioni o accuse ridicole, per poter far riflettere su di sé almeno un po’ della loro notorietà (sennò a chi appassionerebbe una critica ad un giornalista o un assessore sconosciuto?). La cosa triste è che un discreto numero di boccaloni la prendono per un’oracolo, e accusando Grillo e Travaglio di essere agenti segreti del sistema, sono invece portati dalla Randazzo a scaricare le loro rivendicazioni (di un lavoro dignitoso, una sanità efficiente, della sicurezza, della salute, di servizi adeguati, ecc ecc) in maniera innocua e sterile sui massimi sistemi, sulle banche centrali o sulle corporation, (che ci sono, però difficilmente si daranno gran pensiero per la Randazzo).”

E' incredibile: la scrittrice Antonella Randazzo e Straker sono talmente simili da sembrare quasi la stessa persona o l'uno l'alter ego dell'altra. Oppure l'altra metà della stessa mela, l'anima gemella!






14 commenti:

Anonimo ha detto...

Speriamo che si mettano a trombare, due felici in più, due sfigati in meno.

Nico ha detto...

ahahahahaha Anonimo, chiunque tu sia, avanzi una birra!!!!

marcotravaglio.tv ha detto...

ottimo lavoro

Anonimo ha detto...

tutti i "complottari" ( o "complottisti") sono intercambiabili, si vede che è una forma di disturbo paranoico molto caratterizzante.

ilpeyote ha detto...

potrebbero fidanzarsi,sposarsi e vivere felici e contenti, no?

Nico ha detto...

Ma perchè mi vuoi infondere terrore su una teoria di possibile procreazione???

pincopallo ha detto...

Anonimo ha detto...
Speriamo che si mettano a trombare, due felici in più, due sfigati in meno.
31/3/09 15:26


TROMBARE CHIIIIII ?
ROSARIO ? MA PER FAVORE SIATE SERI.

brain_use ha detto...

Toh, questo mi mancava.
Immediatamente inserito in NWO-sezione sciecOmiche.

Bel lavoro!

caposkaw ha detto...

la randazza e strakkino che copulano....
c'è da dire che avrebbero meno tempo per sparar cavolate, ma se si riproducono, la somma della loro bestialità potrebbe essere la bestia 666, in altre parole, l'anticristo fesso...
propongo una irrorazione d'emergenza con super morgellons sterilizzatori e iper arrapanti dei personaggi...

theDRaKKaR ha detto...

se si riproducono poveracci i figli!!

arturo ha detto...

all'ENEA dicono che ci sono degli aerosol aerei in corso. in particolare, dicono che questi aerosol sono a base di FERRO e NICHEL.
si tratta della ormai famosa "GEOINGEGNERIA", o più comunemente chiamata "scie chimiche"


sapete cosa è la geoimgegneria??

sapete che il governo americano vuole spargere alluminio e zolfo nell'atmosfera per combattere il riscaldamento climatico??

sapete che la geoingegneria è già realtà??
ma non lo vedete che queste scie filtrano la luce del sole?
siete cechi??

leggere prego

http://www.mediafire.com/?sharekey=0f7612d53ddbfa
39ed24a2875c7fa58e22e484a
82be6144e5be6ba49b5870170

http://www.apcom.net/newsesteri/20090408_222100_e15b27_59904.shtml

http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2009/feb/27/climate-change-geo-engineering

mi diaspiace rovinarvi la vostra routine quotidiana, ma le "scie chimiche" sono un fenomeno reale.
stanno cercando di "costruire" uno scudo solare di particolato metallico.
mettono additivi a base di metalli nel carburante, così ogni volo sparge particolato nel cielo.
si chiama, appunto, "geoingegneria".

io penso che prima di dire se una cosa è una bufala o meno, uno dovrebbe informarsi

cmq basta guardare il cielo:queste scie BLOCCANO la luce del sole.
se vi sembra una bufala questa....

Nico ha detto...

che palle sti copiaincolla alla rosario... ma qualcosa di tuo no?

Anonimo ha detto...

Siete psicopatici, paranoici.

Anonimo ha detto...

c'è qualcuno in casa? (bussando sul cranio di arturo)

- "all'ENEA dicono ..."
prego inserire il link al documento, o allegarlo. Im mancanza è solo una illazione "...alla Randazzo di cane"

-"stanno cercando di "costruire" uno scudo solare di particolato metallico.
mettono additivi a base di metalli nel carburante, così ogni volo sparge particolato nel cielo."
In effetti i metalli non costano niente, vanno aggratis, perciò spargerne un po' così senza nessuna idea o profitto di ritorno è una idea simpatica... poi l'idea di uno scudo solare fatto lanciando metalli può venire solo ad un demente.

- "cmq basta guardare il cielo:queste scie BLOCCANO la luce del sole.
se vi sembra una bufala questa...."
anche le nuvole bloccano la luce del sole (e direi molto meglio), da milioni di anni. Forse già da tutto questo tempo c'èra un oscuro complotto dei virus contro i betteri....

arturo, fatti curare!!!